venerdì 31 gennaio 2014

Il portiere distratto: allenare la concentrazione del portiere.

Durante la mia esperienza di Allenatore di Settore Giovanile mi sono trovato spesso in rosa quello che io definisco "un portiere distratto".

Mi sono fermato innumerevoli volte, durante la settimana, ad osservare le sedute di allenamento svolte ai miei portieri da parte dell'allenatore specifico per questo ruolo e non mi sono mai potuto lamentare.
Gli esercizi erano ben organizzati, con poche pause, alta concentrazione e ritmo elevato. Anche gli obiettivi delle sedute erano molto chiari e il metodo per raggiungerli proficuo.
Nonostante tutto, durante la gara, i miei portieri non erano pronti, si facevano trovare spesso disattenti, avevo come la sensazione che stessero pensando a tutto tranne che alla partita.

Ho sempre pensato che la validità di un portiere si manifesti anche nel farsi trovare pronto, reattivo e concentrato nelle azioni in cui viene chiamato in causa, soprattutto in quelle gare in cui partecipa all'azione raramente.

Così ho deciso di pensare ad un esercizio che mi avrebbe permesso di perseguire un obiettivo specifico: garantire all'estremo difensore i mezzi per essere sempre concentrato durante la gara.

L'idea è questa:


http://www.mistercalcio.com/es/esercizio_11568.jpg

Obiettivo Primario: Capacità di concentrazione

Obiettivo Secondario: Resistenza

Categorie consigliate: Prima Squadra, Juniores, Allievi, Giovanissimi, Esordienti

Materiale: cinesini (per delimitare l'area di gioco), palloni, porte di misura ridotta

Numero giocatori: 7

Minuti esercitazione: 20

Numero di serie: 3

Minuti di recupero: 5

Numero di recuperi: 2


Tempo totale: 70 minuti


Si tratta di un esercizio che può essere utilizzato non solo dal mister ma anche e soprattutto dall'allenatore dei portieri.

L'obiettivo principale di questa seduta è quello di lavorare sulla capacità di concentrazione del portiere.

L' esercizio è caratterizzato da una partita 2vs2 più un jolly all'interno di un campo ridotto.

Questo permette all'estremo difensore di ricevere una quantità molto maggiore di tiri rispetto a quella che normalmente caratterizza una partita, in questo modo, il portiere non ha la possibilità di distrarsi dal gioco e deve rimanere concentrato per un lungo periodo di tempo.
Inoltre, utilizzando i portieri anche in campo, possiamo lavorare sulle loro capacità tecniche (fondamentali per il portiere moderno) e anche sulla resistenza (si tratta di una partita che non prevede pause, con l'allenatore impegnato nel fornire il pallone ogni qual volta questo si allontani dal gioco).